Home

genpin_thumbGenpin, la maternità nel bosco di Naomi Kawase – Giappone 2010, documentario. “Lo spirito della valle non muore mai. Si chiama Genpin, la donna misteriosa. Lo spirito della valle nasce da un grande fiume che dà vita alla vita. Come lo spirito della valle, le donne sono la fonte che dà origine a tutta la vita. ‘

E’ nel cuore della foresta vicino alla città di Okazaki in Giappone, che si annida la maternità del dottor Yoshimura. A 78 anni, presentandosi come un medico “vecchio”, offre alle donne incinta una gravidanza e un parto naturale. Lontano dal mondo moderno, dallo stress e dalla velocità, le donne si trasferiscono qui un paio di settimane o mesi e fanno la loro esperienza di prendere in mano la nascita, senza essere dipendenti da un intervento medico. Anche se l’assistenza medica è prodigata durante il parto, il dottore agisce quasi esclusivamente a monte dell’atto lavorando sul rapporto delle donne con i loro corpi, la vita e il mondo. Secondo Yoshimura, la società moderna porta le donne ad uno stato di ansia che la medicina moderna aumenta durante la gravidanza con un’iperprotezione ingiustificata e una cura eccessiva nel travaglio. Quello che le  donne fanno qui, tuttavia, è come progettare il parto nel modo più semplice possibile, in completa tranquillità, controllare il proprio corpo attraverso un diligente esercizio fisico. Teoria semplicistica quanto efficace, soprattutto quando si vedono queste donne praticare 300 flessioni al giorno o fendere con  un’ascia i tronchi ad un paio di giorni dal travaglio!

Naomi Kawase (Suzaku, Shara, La Fôret de Mogari….) riprende questi momenti con l’estrema sensibilità che conosciamo. Con una manciata di ritratti di donne, si rivolge a questo momento chiave che è la nascita, come ad una riflessione sul significato dell’esistenza. Ognuna parla della sua carriera, delle ragioni della scelta di tale percorso e anche del piacere di aver partorito. A volte anche la dolorosa esperienza che la vita riserva. Molto intima ma discreta, la Kawase  lascia spazio ad un respiro che riflette notevolmente l’equilibrio che esiste in questa gravidanza. La sua attenzione alle persone, agli elementi naturali che li circondano, apporta una dimensione meditativa al film.

liberamente tradotto da

http://www.cinemas-utopia.org/toulouse/index.php?id=1801&mode=film in cui è possibile vedere il trailer del film

recensione http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=70888

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...