Home

Il parto è il momento più yang della gestazione, un processo yin durato 9 mesi.images
Anche se la gravidanza è considerata un matrimonio di energie yin e yang, lo yin domina in questo periodo. Il ciclo yin è quella in cui viene accumulata, assimilata e conservata l’energia Qi e il Sangue Xue; si tratta di un momento di riposo, ricettività, quiete e ringiovanimento. Però un’energia più attiva, yang, è necessaria per il parto. L’equilibrio tra ciclo yin e ciclo yang è di particolare beneficio per la madre e il bambino e contribuisce notevolmente ad avere una gravidanza sana. Lo shiatsu e la digitopressione aiutano a ripristinare e mantenere questo equilibrio.
Secondo il pensiero orientale tre organi giocano un ruolo critico durante la gravidanza. Il meridiano della Milza è l’origine della della crescita, dello sviluppo e della nascita del bambino. Il meridiano dei Reni immagazzina l’essenza del Cielo Anteriore, cioè la forza ereditata dai nostri genitori, che nutre il feto prima della nascita. Il Cielo Anteriore controlla anche la maturazione sessuale, la crescita, la fertilità e lo sviluppo dopo la nascita. Il terzo meridiano, il Fegato, immagazzina il Sangue e assicura il flusso regolare del Qi (vitalità). Queste sono le aree su cui focalizzarsi durante il trattamento in gravidanza per garantire la salute generale della madre.
In medicina cinese il meridiano del Cuore è conosciuto come l’imperatore. E’ l’organo yin primario che regola tutte le funzioni organiche e i sistemi vitali. Per svolgere il suo compito ha bisogno di essere alimentato con l’energia yin che viene portata attraverso il campo elettromagnetico terrestre dal Rene, dal Fegato e dalla Milza. Ma c’è anche un altro importante meridiano che collega il cuore con l’utero e il bambino: il Bao Mai, noto anche come Vaso Cuore-Utero, particolarmente utile nel radicare la relazione tra la madre e il bambino durante la gravidanza.images2
Al termine delle dieci lunazioni il bambino ha completato il suo sviluppo ed è pronto per venire alla luce. Il feto (Yin), che ora si trova con la testa in basso, comincia a subire le spinte delle contrazioni uterine. Queste rappresentano un evento fortemente Yang sotto il governo del Qi che si muove verso il basso. Oltre ad esso, anche lo Xue entra in movimento. Fino ad ora queste due Sostanze hanno operato permettendo lo sviluppo dell’embrione e poi del feto concentrandosi nell’Utero; adesso intervengono per permetterne la spinta verso l’esterno ma più precisamente verso il basso.
Il corpo dell’Utero comincia così a contrarsi ritmicamente (fenomeno Yang) mentre il collo si dilata (fenomeno Yin) per permettere il passaggio del bambino.
Questa coesistenza di fenomeni a carattere Yin e Yang conferma l’impegno del Ren Mai e del Du Mai (vasi straordinari primigeni) ma anche degli altri due Vasi Straordinari: il Chong Mai, che interviene anche in questa fase portando Sangue all’Utero e il Dai Mai, che influenza i cambiamenti del bacino e i movimenti energetici della pelvi oltre alla “stretta”dei muscoli addominali durante le spinte del parto.
Inoltre il Bao Luo e il Bao Mai anche in questa fase convogliano verso l’Utero lo Xue e il Jing.
La preparazione al parto può iniziare su base settimanale dalla 37° o 38° settimana fino al travaglio, con l’obiettivo di preparare il corpo e la mente ad accompagnare le contrazioni uterine. Da questo momento in poi la digitopressione può aiutare a preparare la dilatazione della cervice e la mobilità del bacino, calmare l’ansia o la paura e promuovere le basi per un travaglio più efficiente. Se si va oltre la data presunta del parto la digitopressione può aiutare a indurre il travaglio. E’ possibile inoltre dare sollievo al dolore durante il travaglio insegnando al compagno come individuare e utilizzare punti di digitopressione specifici. E’ un trattamento non invasivo e l’esperienza delle donne che l’hanno ricevuta è molto positiva.

Il travaglio è ritmato dalle contrazioni, il movimento espulsivo con cui la donna emette, restituisce ciò che ha accolto, accudito, nutrito, accresciuto, completato.
E’ il momento in cui termina la vita interna del bambino ed inizia la sua vita esterna. E’ un evento con una forte carica emotiva dopo il quale la madre vive un senso di perdita. E’ il superamento di un punto di stasi, il massimo yin del ciclo gestazionale, al quale segue l’inizio della fase yang, attiva. La fase yang ha le caratteristiche dell’energia Legno, caratterizzata da un accumulo di energia, in cui le contrazioni si caricano di intensità, a cui segue un’esplosione vitale, l’espulsione, che porterà alla nascita, come il movimento del germoglio che erompe dal seme e vede la luce.
Oltre ad essere un evento espulsivo, cioè ad essere caratterizzato dalle spinte, la fase Legno è anche un lasciar andare, un fluire, verso l’esterno.
Il processo della nascita inizia con la rottura delle acque ed il lavaggio del canale del parto. La fase Acqua segue il ciclo generativo dei Cinque elementi che prosegue negli altri stadi energetici, ripercorrendo nella gestazione un ciclo completo. Dopo la fecondazione della Terra, segue la conservazione del Metallo, la quiescenza dello stadio Acqua, la spinta del Legno e la gioia del Fuoco, la nascita, la piena esplicitazione del frutto dell’amore e dell’accoppiamento. Questi stadi possono mescolarsi, regredire, accelerare, abortire, in concomitanza con alterazioni fisiche, emotive ed ambientali che concorrono nel processo della gestazione.
Se lo stadio Acqua subisce un’involuzione a causa di emozioni in cui prevale il timore del luogo, dell’evento in sé o della paura del dopo, l’abbandono e la dilatazione conseguente faticano ad instaurarsi quale espressione del fluire. Se la fase di massima energia yin non procede, interferisce nel dispiegarsi dell’energia yang e gli effetti che si generano sono contrastanti e differenti: o spinte scarse ed inefficaci, o spinte laceranti ed esplosive con scarsa dilatazione.yinyang
Risulta d’aiuto per la madre in travaglio la riduzione degli stimoli fastidiosi, la possibilità di muoversi e di assumere posizioni diverse, l’immersione in acqua.
L’immersione in acqua durante il I° stadio del travaglio (periodo dilatante) riduce il ricorso ai metodi analgesici farmacologici senza incremento della durata del travaglio, quindi comporta chiari vantaggi per la madre. Le posizioni verticali, assumendo le quali è più facile muoversi, migliorano il comfort materno durante la fase attiva del travaglio e, durante il periodo espulsivo, determinano una percezione minore del dolore intenso.
Quindi nel primo stadio del travaglio o fase Acqua, l’immersione in acqua è facilitante e riduce il dolore acuto, mentre nel secondo e terzo stadio è più efficace la possibilità di muoversi e di mantenere la posizione verticale, una posizione attiva tipica della fase Legno.
Lo shiatsu in travaglio dev’essere perciò altrettanto attivo nella sua azione per entrare in sintonia con la tipologia di energia in movimento del parto, così come al contrario dev’essere praticato con calma e rilassatezza durante il periodo di accumulo e raccolta che è tipico della gestazione, con incremento di peso e senso di pesantezza.
L’approccio manuale in travaglio sarà perciò forte, attivo, contenitivo, sostenitivo, mobile, incisivo, basandosi sull’uso di palmi, pollici, gomiti e nocche in azioni di tamburellamento, sfregamento, spinte ritmiche e prese salde ed efficaci, rassicuranti.
L’uso della digitopressione in travaglio ha dimostrato che l’uso dei punti è sicuramente utile ma l’efficacia dipende anche in larga parte dalla partecipazione empatica dell’operatore nell’accompagnamento della gestante.
Testo consigliato: Shiatsu per la gestante e il neonato

Evento FB: Shiatsu e Gravidanza a Viareggio il 28,29 gennaio 2017

https://shiatsuedonna.com/2016/04/30/digitopressione-e-parto/

https://shiatsuedonna.com/2013/09/12/trattamento-shiatsu-in-gravidanza-per-la-mamma-e-il-neonato/

https://shiatsuedonna.com/2016/04/03/lefficacia-della-digitopressione-nella-gestione-del-dolore-in-travaglio-uno-studio-semisperimentale/

https://shiatsuedonna.com/shiatsu-gestante/

https://shiatsuedonna.com/2014/07/10/shiatsu-e-travaglio/

https://shiatsuedonna.com/2014/06/20/esplorare-il-dolore-nel-parto/

https://shiatsuedonna.com/2014/01/27/metodo-bonapace-partorire-senza-stress/

Annunci

2 thoughts on “Shiatsu e parto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...